Capire lo Stile di Internet per Aiutare il Proprio Business

Home » Siti Web » Capire lo Stile di Internet per Aiutare il Proprio Business

Pubblicato il 01 agosto 2014 da Fabrizio Bianchi nella categoria Siti Internet - Nessun commento

capire internet

Capire i Trends Aiuta


Molte volte può capitare che lo stile della maggior parte delle pagine Internet sui siti web delle imprese simili alla propria non corrisponda ai propri gusti, ma è importante capire che ci sono motivi importanti per realizzarle in quel modo.

Dopo una prima esplosione di immagini e filmati (magari interattivi) in Flash, Java, GIF, e chi più ne ha più ne metta, il look delle pagine web (e in generale delle interfacce informatiche) si è reso sempre più minimalista fino ad arrivare agli odierni esempi di stile Flat, come nel caso dell’interfaccia Metro Windows 8, in cui semplici forme geometriche hanno rimpiazzato immagini di pulsanti tondeggianti pensati per fare riferimento ai pulsanti fisici e tridimensionali della vita reale.

Per un azienda quali sono i vantaggi di adattarsi ai trends di internet?

I vantaggi sono molteplici e si riflettono sia sui costi di realizzazione di un sito, che sulla sua visibilità e usabilità.

Costi di realizzazione

In passato, nel caso ad esempio di un sito e-commerce, si aveva bisogno di 3 professionisti diversi: un fotografo per le foto dei prodotti, un web designer che costruisse lo scheletro delle pagine del sito e un grafico che disegnasse tutte le parti dell’interfaccia che altrimenti sarebbero stati solamente dei link spogli. Questo era il minimo, a meno che non si volessero aggiungere animazioni in flash o altri contenuti particolari.

Adottando invece uno stile più minimalista, un qualunque web designer capace che sappia programmare in HTML5 e CSS3, i due linguaggi base del Web, potrà non solo fare le veci del grafico, ma anche produrre effetti ed animazioni sul proprio sito senza dover ricorrere ad altri strumenti. Praticamente un 3×2.

Visibilità

Oggigiorno tutti sanno come la visibilità di un sito dipenda dalla sua presenza e rilevanza in seguito alle ricerche degli utenti sui motori di ricerca, materia di studio e di lavoro per i cosiddetti esperti SEO (Search Engine Optimization).

Gli algoritmi di Google, Bing e altri sono basati su ciò che i loro robot, che navigano autonomamente il web, riportano come contenuto di un sito. Ora, nonostante siano delle meraviglie dell’ingegneria del software, questi robot hanno alcuni limiti, uno dei quali è l’incapacità di riferire il contenuto di un’immagine, di una applet Java o di una presentazione in Flash.

Quindi tutto quello che viene messo sul proprio sito all’interno di questi “contenitori” non appare a Google come contenuto e perciò si diventerà meno rilevanti. Per fare un esperimento potete vedere come appare Il Mio Business Online a Google. Questo spiega anche perché è importante mettere una descrizione dettagliata del contenuto di un proprio video su YouTube.
Anche qui adottando uno stile più minimalista si avrà la possibilità di massimizzare il contenuto di testo del proprio sito in modo da dare in pasto ai robot dei motori di ricerca più materiale possibile, senza dover però sacrificare troppo l’estetica per i visitatori umani, sempre grazie a HTML5 e CSS3.

Usabilità

Un sito in cui l’utente operi o riceva informazioni tramite un’interfaccia in stile flat o comunque minimale risulta più immediato e perciò verrà usato più di un sito analogo con un interfaccia più complicata. Inoltre uno stile più semplice mette facilmente in evidenza le azioni che si vuole che l’utente compia e lo guiderà verso le conversioni interessanti per il vostro business.

Quindi, nonostante il mondo sia bello perché vario e de gustibus non disputandum est il mio consiglio è di sfoltire, riorganizzare e magari rivedere lo stile del proprio sito web, e, in generale della propria presenza online per farli assomigliare a quelli più moderni presenti su Internet e godere dei vantaggi che vi ho descritto, se l’aveste già fatto ed avete notato dei benefici fatelo sapere a chi non l’ha ancora fatto commentando questo articolo o condividendolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.