5 Consigli per Fare Annunci AdWords Efficaci

Home » Internet Marketing » PPC » 5 Consigli per Fare Annunci AdWords Efficaci

Pubblicato il 14 gennaio 2015 da Manuele Caddeo nella categoria PPC - Nessun commento
consigli annunci adwords che convertono

Annunci AdWords Efficaci

Intanto, se stai iniziando a leggere vuol dire che che il copy del titolo e della descrizione hanno funzionato, bene. Premesso questo, andiamo al dunque.

In questo articolo non starò a spiegarti come creare testi di Google Adwords per vendere 5 pentole in più o aumentare il tuo Conversion Rate del 500%, ma ti darò 5 semplici regole da segnarti su di un semplice post-it davanti al tuo PC in modo che, tu sia un marketer o un semplice proprietario di attività che segue in autonomia le proprie campagne di Keyword Advertising, possa facilmente creare annunci Adwords efficaci e che rispettino le più classiche basi del copywriting (ed ovviamente le linee guida di Adwords).

Regole per creare annunci AdWords efficaci

Ve l’ho detto, 5 minuti, andiamo quindi al dunque per punti (penna e post-it alla mano!):

1) Non state facendo “copywriting” ma “micro-copywriting“, ed anche se il nome lo sminuisce non è così, è molto più complicato. Non avete una copertina di giornale ma un titolo da 25 caratteri e due righe descrittive per un totale di 70 caratteri. Partendo dal presupposto che vi siate fatti gestire campagne AdWords e che abbiano, od avete, strutturato in maniera oculata l’account, in questi spazi concessi dovete:

  • Far capire all’utente che hanno davanti a se cosa cercano (quindi includete sempre la keyword, nel titolo degli annunci adwords è meglio)
  • Stimolare il loro interesse a leggere tutti questi lunghissimi 70 caratteri (tra organico e PPC i risultati sono tanti, e gli utenti potrebbero essere pigri a leggere tutto), cercate di attirare la loro attenzione con qualcosa di diverso rispetto ai vostri diretti competitor (includete una domanda, perché no?). Differenziatevi dagli altri!
  • Includere sempre un numero, un prezzo o una percentuale che sia. Siete un ecommerce? Includete il prezzo del prodotto o “a partire da“. State facendo uno sconto di un servizio? Mettetelo in bella vista! Non fate nulla di tutto ciò? Allora utilizzate qualcosa che vi differenzia dagli altri vostri concorrenti, per esempio, potreste essere sul mercato “dal 1955“.
  • Utilizzare sempre una Call to Action! (CTA) che cos’è? Una chiamata all’azione ben diretta. Non starò a tediarvi sul perché è indispensabile, ma prendete per buono che è indispensabile. Ok, volete anche un esempio, vediamo… “compra direttamente dal tuo smartphone!” o “acquista online, spedizione in 24h!” o “chiamaci ora gratuitamente dal tuo smartphone!”. Come promesso non vi ho dato frasi per vendere tante pentole (quelle le tengo per me) ma questo per farvi capire il concetto che se non chiamate l’utente a compiere l’azione che volete, sarà difficile che lui la farà in autonomia (salvo casi particolari… e non credo voi siate Apple).

2) Non abusate del “keyword insertion“, la famosa opzione che consente di “customizzare” il vostro annuncio con la {keyword:cheiword} che ha attivato l’annuncio.. o potrebbe succedere ad esempio che nel vostro annuncio appiano “fellulari” invece che “cellulari” oppure invece che una località potrebbe apparire altro:

Adwords Dynamic Keyword Insertion Fail

Keyword Insertion Fail

3) Utilizzatela solo nelle vostre campagne/gruppi di annunci che hanno un tipo di corrispondenza “a frase” o [esatta]. Ovviamente, per l’amor del cielo, non utilizzatela nelle vostre campagne “mispelling”! (eBay e Amazon insegnano).

4) Utilizzare sempre la URL di visualizzazione “pulita”. Togliete www o altre estensioni inutili. Come dice il termine “URL di visualizzazione” questa sarà solo di “visualizzazione” e, purché voi rispettiate di inserire il dominio di primo livello corretto, potreste utilizzare i restanti caratteri utilizzando le keyword target dell’annuncio e campagna derivante.

5) I punti esclamativi sono belli, ma uno basta e avanza. Non mettetene 2 nello stesso annuncio o Google non sarà contenta. (Annuncio disapprovato, chissà perché) Rispettate le regole editoriali! Scrivere tutto l’annuncio in maiuscolo non è accettato da Google (è si è cattivo), ma immaginatevi che schifezza fossero tutti maiuscoli gli annunci di una pagina di ricerca… potete sempre utilizzare le maiuscole all’inizio di ogni parola (magari no per le congiunzioni), questo renderà il vostro annuncio più gradevole e visibile, fidatevi.

Tutto questo non vi sta su di un post-it? Stampatevelo. E se non avete una stampante cercate la miglior offerta di una stampante su Google, cliccherete su di chi ha l’annuncio AdWords più interessante e stamperete il mio articolo con la stampante di quel commerciante che ha pubblicizzato le proprie stampanti tramite un annuncio Adwords creato leggendo il mio articolo 🙂

Hope that helps, and share it if you like it!

Manuele Caddeo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.