E-commerce in Europa: i Trends del 2014, e per il Futuro

Home » Internet Marketing » Trends » E-commerce in Europa: i Trends del 2014, e per il Futuro

Pubblicato il 25 settembre 2014 da Manuele Caddeo nella categoria Trends - Nessun commento

L’e-commerce nei paesi dell’ovest Europeo è già molto sviluppato, grazie a robuste infrastrutture di telecomunicazioni, rivenditori sviluppati digitalmente ed aziende di spedizioni più o meno efficienti.

Con il subentro delle tecnologie mobili (tablet e smartphone), molti consumatori utilizzano più di un device per effettuare ricerche online o acquistare li direttamente, ma vediamo il diverso comportamento nei diversi stati Europei.

Prospettive per il fatturato tramite e-Commerce del 2014

E’ calcolato che quest’anno nei paesi Europei il mercato e-commerce genererà qualcosa come 373 miliardi di $ (fonte: eMarketer), dove i paesi a farla da padrone sono: UK, che detiene il 30% della cifra totale, poi a venire Germania e Francia, mentre Spagna e Italia sono il fanalino di coda, frenate dai persistenti problemi economici del paese.

Tornando all’Europa nella sua totalità, se quest’anno è stimato un giro economico di 373 miliardi di $, per il prossimo anno la crescita stimata è del 14%, andando a generare un giro d’affari di ben 418 miliardi di $.

grafico trends ecommerce

Previsioni Andamento Fatturato E-commerce

Italia, come siamo messi? Non benissimo. Nel 2013 se i nostri vicini Inglesi hanno registrato volumi di vendite online di 99 miliardi di $, noi ne abbiamo generati solo 14 di miliardi di $.

C’è un dato positivo però, secondo i forecast di eMarketer da oggi al 2018: l’Italia è l’unico paese Europeo che avrà sull’e-commerce B2C un tasso di crescita sempre a doppia cifra.

grafico crescita ecommerce

Quanto cresce l’E-commerce ed in che paese

Gli unici in Europa, ma se preso in considerazione tutto il mondo troveremo Cina, India, Indonesia e Argentina con tassi di crescita tripli rispetto al nostro, ed un giro d’affari esponenziale rispetto al nostro.

E’ stato analizzato anche il comportamento digitale e la propensione all’acquisto degli utenti Italiani, dove i “digital buyers”, ovvero utenti che effettuano almeno un acquisto online, sono 23,6 milioni, il 90% del totale degli utenti Internet Italiani ed il 45% della popolazione.

Metodi di pagamento ed acquisto online

Quali sono i metodi di pagamento preferiti per pagare online?, In Italia prevale con il 55% di preferenza PayPal, seguito con solo il 25% da carte di credito/debito.

Ed il mobile? Beh, ottime notizie per l’Italia: a marzo 2014 la penetrazione dei buyers mobile è del 23%, con una percentuale di crescita rispetto all’anno precedente del 70%, cifra doppia rispetto la crescita in UK. Italia, che popolo mobile!

e-commerce_europa_mobile_2014

M-Commerce – Mobile Commerce

Il mobile è prepotentemente entrato nelle nostre vite quotidiane, ma non riusciamo a separarci dal nostro amato in PC, abitudine che ha portato a diventare noi tutti un popolo di “Digital Cross-Border”,; ci piace iniziare una cosa su smartphone e terminarla da PC o viceversa.

Sapete che l’Italia è la prima nazione europea per percentuale di di utenti che hanno effettuato un acquisto “cross-device”? Ebbene si, il 72% del totale degli intervistati (source: PostNord).

Non solo tecnologia, ma anche fiducia è quel che serve a far digitalizzare un paese, ed è quello che manca all’Italia dove un indagine condotta dal “Office of Comunication UK” mostra come in Italia solo il 50% della popolazione ha fiducia nei “pagamenti sicuri online”; in UK il 70% della popolazione ha fiducia sui metodi di pagamenti offerti ora online.

Purtroppo (parere personale) in Italia se analizziamo le categorie che compongono il mercato e-commerce B2C troviamo al primo posto con il 54% la “leisure”, composta al 49% dal gioco online. Segue il turismo con il 27%, assicurazioni al 6% e via via tutto il resto (fonte: Casaleggio associati).

Tra i top retail troviamo al primo posto eBay con 12,1 milioni di visitatori unici che batte nettamente Amazon con 8,9 milioni di utenti unici; al terzo posto troviamo IBS network, Trovaprezzi e via via tutti i più famosi retailer.

Chiudendo con una rapida analisi, ciò che si deduce è che noi Italiani siamo un popolo con una buona propensione al digitale, i problemi politici/economici hanno rallentato di molto la nostra crescita economica (online e offline) ma le probabilità che gli anni a venire saranno fiorenti sono buone e per chi intende investire nel digitale e specificatamente sul mobile, prepararsi anticipatamente sarà una mossa vincente.

Voi cosa state facendo o cosa farete per incrementare le vendite grazie ad internet?

Fonti dati ed immagini provenienti da eMarketer che resta titolare dei diritti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.