Come la Google Search Console Può Essere Utile ad un’Azienda

Home » Analisi e Statistiche » Web Analytics » Come la Google Search Console Può Essere Utile ad un’Azienda

Pubblicato il 24 gennaio 2016 da Yuri Carlenzoli nella categoria Web Analytics - Nessun commento

In questo articolo ti dico come la Google Search Console può essere utile alla tua azienda, anche se di SEO, internet marketing ed argomenti simili non ne sai molto, se ti fai gestire il tutto può esserti molto utile.

google search console per imprese

Come va il tuo sito web su Google? Chiedilo alla Search Console!

Dato che questo articolo è pensato e scritto per i gestori di una qualsiasi attività, dall’artigiano a la PMI di un qualsiasi settore, e dato anche che probabilmente il termine “Google Search Console” non dice niente al pubblico di riferimento per il quale è pensato questo articolo, tramite le parole di Google, anche se di molto, riassumo cos’è la Google Search Console:

Google Search Console è un servizio gratuito offerto da Google che ti consente di monitorare e gestire la presenza del tuo sito nei risultati della Ricerca Google.

In pratica, con parole mie stavolta: se la tua azienda ha un sito web, dato che il 95% delle persone in Italia usa Google come motore di ricerca, se vuoi che il tuo sito web sia valutato bene da Google, quindi anche per migliorare o tenere stabile la tua presenza online devi (anche) sapere come Google vede il tuo sito web, gli errori che ci trova ed altro, te lo mostra con la Google Search Console, quindi ti serve.

Monitoraggio della visibilità online del sito web

Non confondere quello che ho appena detto, la Google Search Console non serve a migliorare la visibilità online del tuo sito web o per fare in modo che non peggiori, serve a monitorare il sito web e fartelo vedere come lo vede Google.

La Google Search Console non molto tempo fa si chiamava Google Webmaster Tools, e, come ben chiaro dal vecchio nome sono degli strumenti utili (sopratutto) per chi è del mestiere, se sei il proprietario di un’attività che ha un sito web, anche se la maggior parte dei dati presenti sulla Search Console non sapresti di che fartene è comunque molto utile, a meno che non ti vuoi gestire in autonomia al 100% il sito web non dovrai imparare molte nozioni.

Controllo della gestione della visibilità online

Per un gestore di una qualsiasi attività che ha la presenza online tramite il suo sito web (od applicazione collegata al sito web, anche per quello che si chiama Search Console e non più Webmaster Tools), se non è pratico di gestione del proprio sito web oppure non ci riesce la Google Search Console può essere molto utile per il controllo del lavoro di gestione della visibilità online affidato a terzi.

Infatti, controllare il lavoro delegato ad altrui è doveroso, è logico voler sapere come e dove si spendono i soldi, e, chiedere cosa e perché vien fatto qualcosa non deve dare fastidio a chi esegue il lavoro, anzi, personalmente ne sono contento, in alcune occasioni mi sembra d’interessarmi di più io ai siti web altrui che i proprietari stessi, ed è anche sconfortante, questo probabilmente succede anche perché non si conosce un mezzo di controllo, un mezzo/tool per controllare la gestione della visibilità del proprio sito web se dato in gestione a terzi è la Google Search Console.

Va da se che, l’unica cosa di cui avrai bisogno è di accedere alla Google Search Console è un account Google (se hai un indirizzo email di Gmail lo hai), molto probabilmente chi ti cura la gestione della visibilità online ha già accesso, dovrai chiederglielo se non te l’ha ancora dato, io solitamente lo faccio sempre ma può essere che non venga dato.

Come e cosa ti consiglio di guardare nella Search Console

Anche rischiando di essere di essere prolisso, dato che quando introduco un articolo con il “come” voglio effettivamente dirlo, ora ti dico in pratica come e cosa guardare nella Search Console per monitorare lo stato di salute del tuo sito web e per controllare la gestione della visibilità online, tieni presente sempre chi è il pubblico di riferimento di questo articolo però e non aspettarti la guida completa della Google Search Console, quella l’ha fatta Google, una semplice ricerca e troverai tutti i dettagli delle funzionalità.

Google ha anche un forum di assistenza (“Forum di assistenza ai Webmaster”), per problemi con la Google Search Console dopo aver letto la guida ufficiale, se non trovi la risposta, chiedi nel forum di Google.

Comunque, una volta che avrai fatto l’accesso alla Google Search Console, dopo aver selezionato il sito web, alla data di pubblicazione di questo articolo, ti ritroverai davanti la seguente interfaccia:

Funzionalità Search Console

Riassunto delle funzionalità della Search Console

Ovviamente ti si mostrerà senza i vari menu a sinistra espansi, questo l’ho fatto io per poter fare una sola immagine, se clicchi l’immagine qui sopra si aprirà in dimensioni originali in una nuova scheda, così potrai confrontare visualmente e con semplicità quanto scritto di seguito, che, non è ordinato necessariamente per importanza:

  1. Errori di scansione: in questa sezione della Search Console puoi vedere gli errori causati dal server e dalle pagine web, quelli del server anche se occasionalmente ci sono, è sempre meglio non vi siano affatto (tre icone verdi), gli errori delle pagine web vanno monitorati e sistemati, è bene averne pochissimi, su siti web di piccole dimensioni è meglio non vi siano affatto;
  2. Analisi delle ricerche: tramite il grafico “analisi delle ricerche” della Search Console è possibile vedere sotto vari aspetti le performance di un sito su Google, il posizionamento ed altro, sicuramente chi non sa interpretare i dati può vedere il trend se positivo o negativo, per varie tipologie di siti web può essere soggetto a cali o crescite stagionali, ma, se impostato un range di tempo a 3 mesi e si vede in costante crescita o discesa è rispettivamente una buon o brutto segnale;
  3. Miglioramenti HTML: questa sezione della Search Console è molto importante, sopratutto se si fa gestire un sito web non dovrebbero essere mostrati miglioramenti necessari, anche se a volte, per varie ragioni di “strategia di business online” potrebbero comunque esserci, gli errori qui mostrati saranno errori riguardanti i titoli e le descrizioni delle pagine del sito web, che devono essere unici per ogni pagina, non troppo lunghi ne troppo corti;
  4. Dati strutturati: la sezione “dati strutturati” della Search Console al giorno d’oggi molto facilmente è popolata con dati, anche chi gestisce il proprio sito web in autonomia e non li ha messi nel sito web potrebbe trovarli, ovviamente anche chi si è fatto ottimizzare e/o si gestire il sito web. Non avere errori sarebbe il massimo, a volte ci sono, fare/far fare il possibile per correggerli è ideale, anche se per varie ragioni non sempre fattibile;
  5. Azioni Manuali: se ti fai gestire il sito web anche per quanto riguarda la SEO ogni tanto questa sezione guardala, se viene fatta una pessima promozione, non conforme agli standard di qualità di Google, avrai azioni manuali (le famose penalizzazioni), vuol dire che oltre pagare chi fa SEO dovrai anche pagare a farti sistemare il sito, ebbene, chi causa azioni manuali a clienti non fa SEO, cambia consulente o società, e fai il possibile, anche in anticipo, per non ricevere azioni manuali;
  6. Targeting internazionale: questa sezione va obbligatoriamente guardata da chi ha un sito web multilingua, gli altri possono fare a meno, per essere effettivamente un sito web multilingua ideale per i motori di ricerca almeno la scheda “lingua” deve avere dati, e, anche se a volte compaiono, è ideale non avere errori, nel caso contrario bisogna sistemarli o farli sistemare;
  7. Sitemap, URL inviati ed URL indicizzati: anche se effettivamente questa sezione di sfuggita si potrebbe, si può e si deve vedere senza accedere al menu dedicato, dare una controllata leggermente più approfondita del motivo per il quale le pagine web non vengono indicizzate non è una brutta idea, possono venire mostrati vari tipi di errore che è possibile risolvere o far risolvere, idealmente ogni pagina che s’invia con la sitemap dovrebbe essere indicizzata, questo succede per la maggior parte di siti web di piccole dimensioni solitamente, ma non sempre, i motivi per cui questo non accade va sistemato, anche per siti web di grandi dimensioni bisogna cercare di restare ad una bassa percentuale di differenza tra pagine inviate e quelle indicizzate oppure bisogna identificare i problemi e risolverli;
  8. Usabilità sui dispositivi mobili: seppur non sia il suo significato usabilità vuol dire (anche) ottimizzazione per i motori di ricerca, i dispositivi mobili vengono sempre più usati, quindi, nella sezione “usabilità sui dispositivi mobilinon bisogna trovare errori, qualora vi fossero bisogna o risolverli o farli risolvere;
  9. Risorse Bloccate: Le risorse di un sito web che sono bloccate al Googlebot fanno si (anche) che il sito web non sia riconosciuto come mobile friendly, ed è un male, questa sezione della Search Console può ritenersi una sezione leggermente più avanzata ed a volte (non sempre) correlata alla sezione “usabilità per dispositivi mobili“, quindi, anche se non necessariamente le risorse bloccate impediscono ad un sito web di essere mobile friendly, è meglio non averne anche per consentire a Google di fare la scansione di tutti i contenuti e vedere un sito web come lo vedrebbero effettivamente le persone, da qui è possibile scoprire quali risorse “sbloccare” tramite il file robots.txt o metodi simili;
  10. Problemi di sicurezza: Seppur in questa sezione, nel momento in cui è scritto l’articolo, molte volte non vengono rilevati gli effettivi problemi di sicurezza di un sito web (ad esempio se bisogna aggiornare il CMS che ha bug), una volta ogni tanto dare una visualizzata alla sezione “Problemi di sicurezza” non è un male, potrebbero anche essere presenti problemi che non sono stati notati;
  11. Link che rimandano al tuo sito: la sezione “Link che rimandano al tuo sitoconsiglio di guardarla sopratutto a chi si fa gestire siti web, infatti, le istruzioni per i webmaster di Google dicono chiaramente che link a pagamento, link artificiali, schemi di links, ecc. vanno in contraddizione di esse e possono far scaturire azioni manuali (od algoritmiche), se chi ti gestisce il sito web fa link artificiali (link building) in questa sezione potrete identificare con relativa semplicità, anche se è un lavoro certosino, quali link verso il sito web non sono stati fatti da persone ma solo per promozione. Chi si lo gestisce il sito web in autonomia dovrebbe sapere come lo sta promuovendo, per quello che consiglio di guardarla a chi si fa gestire il sito web.

In conclusione di questa mini guida per la Google Search Console in una pagina dico solo che, spero sia utile a più persone possibile che hanno un sito web aziendale ma ignoravano l’esistenza e/o l’utilizzo di questo utile strumento di Google.

Ti è stato utile l’articolo? Può esserlo anche per chi conosci, condividilo!; non ti è chiaro qualcosa od hai altro d’aggiungere? Lascia un commento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.